Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Ser Lio Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Celia Vena
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 185 modifica]

XXIV

SER LIO

Fra le nuore ser Lio, mentre che avvampa di faggi a vegghia il focolar paterno, le man stropiccia; e novellando campa, ingannata la morte, un altro verno. Loda i costumi de l’antica stampa, trinca in ruvido nappo il suo falerno, e sul piè ritto e sul codin s’accampa, spargendo sali di piacevol scherno. Sindaco, e’ s’alza a primo suon di squilla, e, incurante di ghiaccio o di rovaio, va i casetti a raccór de la sua villa. Noie e balzelli ai sudditi sparagna: per trono un guscio, ed ha per manto un saio: pare un picciolo re de l’Alemagna. </poem>