Se doloroso a voler movo dire

Bacciarone di Baccone

Guido Zaccagnini/Amos Parducci XIII secolo Indice:Rimatori siculo-toscani del Dugento.djvu Duecento Se doloroso a voler movo dire Intestazione 16 luglio 2020 25% Da definire

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rimatori siculo-toscani del Dugento
[p. 202 modifica]

III

Esprime il dolore che sente a veder governata Pisa da tali
che non curano il bene e fanno strazio della patria.

Se doloroso a voler movo dire
lo desplagire — che mec’ha contanza,
non alcun delmi tornar a fallanza,
che soverchianza — ciò mi fa scovrire.
5E, pur volendo, non poria covrire
l’angoscia, che ’l meo cor doglioso serra,
che d’ogne parte gioi’ mi veggio torto,
e sempre accorto — a darmi ’l contrar erra.
Dico isperato di mai son gioire,
10e de languire — grand’ho siguranza,
poi tien no’ gente di tanta arroganza
in doloranza — ch’eo ne voi’ morire.
Chi di guardar no’ non solia né ardire
avere ’n parte di mar né di terra,
15or assai men ch’un om’pregiamme morto:
si gran conforto — in està pres’han guerra.
E chi ne ha fatto ciò? Il ben fuggire
e ’l mal seguire — di quei che possanza
più ’n Pisa aviano di menar la danza?
20No l’arditanza — né ’l saver ferire
di chi ditt’ho, senza cioè fallire.
Perché montati in alta furon serra,
che non mai vis’è lor falli diporto,
né disconforto — non, dicon, li sterra.

[p. 203 modifica]

25Unde noi, e’ hanno e tienno in lor podire,
noi’ fan sentire — e tanta malenanza,
che ’l mondo dovereane aver pesanza
e pietanza — chi del tutto è sire;
ch’a pace non già volno consentire,
30credendone far albergar sotterra,
e pensat’han di farne fare ’l porto
dentr ’a lo sporto, — mentre ciò averrà.
Merzé, Signore Deo, di non soffrire
sia vo’ ’n plagire — tale soverchianza,
35né tant’odiosa e fera disianza,
come speranza — lor è di complire;
ma di farli vo’ piaccia ripentire
e ’l poder vostro, che tutto diserra,
qual più ferm’è, mostrate ’n lor di corto:
40non mai scorto — vesi, altro no sferra.