Apri il menu principale

S'Io vi bendo, occhi miei, non vi dolete

Angelo Poggesi

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura S’Io vi bendo, occhi miei, non vi dolete Intestazione 8 settembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Angelo Poggesi


[p. 343 modifica]

II


S’io vi bendo, occhi miei, non vi dolee,
     Che sol vi privo di caduchi oggetti,
     Ed ho nell’Alma inestinguibil sete
     D’eterne gioie e sovruman diletti,
5S’io vi bendo, occhi miei, meco godete,
     Che son chiuse le porte a’ ciechi affetti,
     Che Ragion nel suo regno alta quiete
     Prova, ed ha i sensi al suo voler soggetti,
S’io vi bendo occhi miei, quest’atto mio

[p. 344 modifica]

     10Deh non prendete, occhi miei cari, a sdegno
     Che ciò fa chi ben crede e spera in Dio.
Io vi bendo occhi miei perchè discerno,
     Che così farò pago il gran desìo,
     C’ho di fissarmi nel bel Sole eterno