Apri il menu principale

Roma ch'ergesti le tue moli altere

Fulvio Astalli

R Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 27 giugno 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Fulvio Astalli


[p. 52 modifica]

III


Roma ch’ergesti le tue moli altere,
     Dove campi dell’aria hanno il confine,
     Dimmi, perchè sull’alte tue ruine
     Ridon ora de’ fior tutte le schiere?
5Se cadde a terra quel superbo crine,
     A che serti intrecciar le Primavere?
     Solo dovean qui meste piante e nere
     Delle grandezze tue piangere il fine.
Roma, le tue cadute io piango ognora
     10E vò che questa destra ora recida
     Sovrà i sepolcri tuoi Aprile, e Flora.
Errai. Superbia ancora in te s’annida:
     Ti vinse il tempo è ver, ma vinta ancora
     Delle perdite tue par che tu rida.