Rime (Stampa)/Rime varie/CCXCI

Rime varie

CCXCI

../CCXC ../CCXCII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime varie - CCXC Rime varie - CCXCII

[p. 166 modifica]

CCXCI

Ad un incerto.

     Signor, s’a quei lodati e chiari segni
il vostro ingegno, i vostri studi e l’arte
v’hanno alzato, e’l vergar di tante carte,
a’ quai s’alzàro i piú chiari e piú degni,
     come poss’io, come i maggiori ingegni,
entrando in tanto mar con poche sarte,
quanto si vuol, quanto si de’ lodarte,
sí che di nostro dir tu non ti sdegni?
     Certo il disire e debito mi sprona,
e via piú la vostr’alta cortesia,
che talvolta di me pensa e ragiona.
     Ma l’opra è tal, tal è la penna mia,
tal di voi parla e sente ogni persona,
che, credend’io d’alzar, v’abbasseria.