Rime (Stampa)/Rime varie/CCLXXVII

Rime varie

CCLXXVII

../CCLXXVI ../CCLXXVIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime varie - CCLXXVI Rime varie - CCLXXVIII

[p. 159 modifica]

CCLXXVII

Per la guarigione dell’Emo e di un Tiepolo.

     Porgi man, Febo, a l’erbe, e con quell’arte,
che suol render altrui salute e vita,
il mio buon Emo e ’l Tiepol nostro aita,
due che tengon di noi la miglior parte;
     e l’empia febre e le reliquie sparte,
onde han la faccia pallida e smarrita,
sia da lor, tua mercé, tosto bandita,
se disii presso noi famoso farte.
     Sí vedrai poi d’incensi e d’odor vari
e di votive tavole e di segni
carco il tuo tempio e’ tuoi sacrati altari;
     et udrai mille e mille chiari ingegni
dir le tue lode e i fatti egregi e chiari,
onde fra gli altri dèi lodato regni.