Rime (Stampa)/Rime d'amore/XLVI

Rime d'amore

XLVI

../XLV ../XLVII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - XLV Rime d'amore - XLVII

[p. 28 modifica]

XLVI

Egli torna al luogo nativo.

     Alto colle, almo fiume, ove soggiorno
fan le virtuti e le Grazie e gli Amori,
dal dí che dimostraste al mondo fòri
chi fa me, chi fa lui chiaro et adorno,
     asserena tu ’l fronte, alza tu ’l corno,
tu con nove acque, e tu con novi fiori,
or che fa, colmo anch’ei di novi onori,
il signor vostro e mio a voi ritorno.
     E, poi che fia con voi, per cortesia
oprate sí ch’a me ritorni tosto;
ché viver senza lui poco poria.
     Cosí stia ’l verno a voi sempre discosto,
cosí Flora e Pomona in compagnia
vi faccian sempre aprile e sempre agosto.