Rime (Stampa)/Rime d'amore/LIX

Rime d'amore

LIX

../LVIII ../LX IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LVIII Rime d'amore - LX

[p. 34 modifica]

LIX

Come può egli veder, senza pietà, le sue lagrime?

     Quelle lagrime calde e quei sospiri,
che vedete ch’io spargo si cocenti
da poter arrestar il mar co’ venti,
quando avien ch’ei piú frema e piú s’adiri,
     come potete voi coi vostri giri
rimirar non pur queti, ma contenti?
O cor di fère tigri e di serpenti,
che vive sol de’ duri miei martiri!
     Dch prolungate almen per alcun’ore
questa vostra ostinata dipartita,
fin che m’usi a portar tanto dolore;
     perciò ch’a cosí súbita sparita
io potrei de la vita restar fuore,
sol per servir a voi da me gradita.