Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXXIV

Rime d'amore

CXXIV

../CXXIII ../CXXV IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXXIII Rime d'amore - CXXV

[p. 70 modifica]

CXXIV

Egli non l’ama piú.

     Signor, io so che ’n me non son piú viva,
e veggo omai ch’ancor in voi son morta,
e l’alma, ch’io vi diedi, non sopporta
che stia piú meco vostra voglia schiva.
     E questo pianto, che da me deriva,
non so chi ’l mova per l’usata porta,
né chi mova la mano e le sia scorta,
quando avien che di voi talvolta scriva.
     Strano e fiero miracol veramente,
che altri sia viva, e non sia viva, e péra,
e senta tutto e non senta niente;
     sí che può dirsi la mia forma vera,
da chi ben mira a sí vario accidente,
un’imagine d’Eco e di Chimera.