Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXXII

Rime d'amore

CXXII

../CXXI ../CXXIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CXXI Rime d'amore - CXXIII

[p. 69 modifica]

CXXII

Gode dell’amor suo, ma teme ch’egli debba lasciarla.

     Quando io movo a mirar fissa ed intenta
le ricchezze e i tesor, ch’Amore e ’l cielo
dentro ne l’alma e fuor nel mortal velo
poser di lui, ch’ogn’altra luce ha spenta,
     resto del mio martir tanto contenta,
sí paga del mio vivo, ardente zelo,
che la ferita e ’l despietato telo,
che mi trafige il cor, non par che senta.
     Sol mi struggo e mi doglio, quando penso
che da me tosto debba allontanarse
questo d’ogni mia gloria abisso immenso.
     A questo l’alma sol non può quetarse.
a ciò grida ed esclama ogni mio senso:
— O tante indarno mie fatiche sparse!