Rime (Stampa)/Rime d'amore/CXI

Rime d'amore

CXI

../CX ../CXII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CX Rime d'amore - CXII

[p. 64 modifica]

CXI

Tutto sopporterà, s’egli non torna via.

     Ponimi ove ’l mar irato geme e frange,
ov’ha l’acqua piú queta e piú tranquilla,
ponimi ove ’l sol piú arde e piú sfavilla,
o dove il ghiaccio altrui trafige ed ange;
     pommi al Tanai gelato, al freddo Gange,
ove dolce rugiada e manna stilla,
ove per l’aria empio velen scintilla,
o dove per amor si ride e piange;
     pommi ove ’l crudo Scita ed empio fere,
o dove è queta gente e riposata,
o dove tosto o tardi uom vive e pére:
     vivrò qual vissi, e sarò qual son stata,
pur che le fide mie due stelle vere
non rivolgan da me la luce usata.