Rime (Stampa)/Rime d'amore/CLXXII

Rime d'amore

CLXXII

../CLXXI ../CLXXIII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CLXXI Rime d'amore - CLXXIII

[p. 94 modifica]

CLXXII

Sopporterà con pazienza ciò che a lui piace.

     S’una candida fede, un cor sincero,
una gran riverenza, una infinita
voglia a servir altrui pronta ed ardita,
un servo grato al suo signor mai fêro,
     dovrebbe pur, signor, l’affetto vero
e la mia fede esser da voi gradita,
se i vostri onor piú cari che la vita
mi fûr mai sempre, e piú ch’oro ed impero.
     Ma poi che mia fortuna mi contende
mercé sí giusta, poi che a sí gran torto
a schivo il servir mio da voi si prende,
     ciò ch’a voi piace paziente porto,
sperando pur che Dio, che tutto intende,
vi faccia un dí de la mia fede accorto.