Rime (Guittone d'Arezzo)/Credo savete ben, messer Onesto

Credo savete ben, messer Onesto

../Tanto è Dio di servito esser degno ../Vostro saggio parlar, ch'è manifesto IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Credo savete ben, messer Onesto
Tanto è Dio di servito esser degno Vostro saggio parlar, ch'è manifesto


[p. 264 modifica]

234

Guittone richiama all’onestá messer Onesto.


     Credo savete ben, messer Onesto,
che proceder dal fatto il nome dia;
e chi nome ha, prende rispetto d’esto:
4che concordevol fatto al nome sia.
     Che ’l rame, se·l nomi auro, io tel detesto,
e l’auro rame anco nel falso stia.
Ed e’ donqua cosí, messer, onesto
8mutarvi nome, over fatto, vorria.
     Sí come ben profetar, me nomando,
mercé mia, tant’ho guittoneggiato,
11beato, accanto voi, tanto restando.
     Vostro nome, messere, è caro e orrato,
lo meo assai ontoso e vil, pensando;
14ma al vostro non vorrei aver cangiato.