Apri il menu principale

Rime (Cavalcanti)/Le Rime di Guido Cavalcanti/Le rime di epoca incerta/A me stesso di me pietate vene

A me stesso di me pietate vene

../Pe' gli occhi fere un spirito sottile ../Gianni Alfani a Guido IncludiIntestazione 8 maggio 2019 100% Da definire

Guido Cavalcanti - Rime (XIII secolo)
A me stesso di me pietate vene
Le Rime di Guido Cavalcanti - Pe' gli occhi fere un spirito sottile Le Rime di Guido Cavalcanti - Gianni Alfani a Guido
[p. 149 modifica]

Sonetto.


A me stesso di me pietate vene
     per la dolente angoscia ch’i’ mi veggio
     di molta debolezza; quand’io seggio,
     4l’anima sento ricoprir di pene.

Tutto mi struggo, perch’i’ sento bene
     che d’ogni angoscia la mia vita è peggio.
     La nova donna, cui mercede cheggio,
     8questa battaglia di dolor mantene.

Però che, quand’i’ guardo verso lei,
     rizzami gli occhi de lo su’ disdegno
     11sì feramente, che distrugge ’l core.

Allor si parte ogni vertù da’ miei
     e ’l cor si ferma per veduto segno,
     14dove si lancia crudeltà d’amore.

Solo Ca e seguaci.