Apri il menu principale

Rime (Cavalcanti)/Le Rime di Guido Cavalcanti/Le rime anteriori al 1290/S'io fossi quelli che d'amor fu degno

S'io fossi quelli che d'amor fu degno

../Dante a Guido ../Se m'à del tutto obliato merzede IncludiIntestazione 8 maggio 2019 100% Da definire

Guido Cavalcanti - Rime (XIII secolo)
S'io fossi quelli che d'amor fu degno
Le Rime di Guido Cavalcanti - Dante a Guido Le Rime di Guido Cavalcanti - Se m'à del tutto obliato merzede
[p. 119 modifica]

a Dante.


S’io fossi quelli che d’amor fu degno,
     del qual non trovo sol che rimembranza,
     e la donna tenesse altra sembianza,
     4assai mi piaceria sì fatto segno.

E tu che se’ de l’amoroso regno,
     là onde di merzè nascie speranza,
     riguarda se ’l mio spirito à pesanza,
     8ch’un prest’arcier di lui à fatto segno.

E tragge l’arco che li tese amore
     sì lietamente, che la sua persona
     11par che di gioco porti signoria.

Or odi maraviglia che ’l disia:
     lo spirito fedito li perdona
     14vedendo che li strugge il suo valore.

Va più originale dell’arbitrario Md.