Apri il menu principale

Rime (Cavalcanti)/Le Rime di Guido Cavalcanti/Le rime anteriori al 1290/L'Orlandi a Guido I

Guido Orlandi

L'Orlandi a Guido ../Poi che di doglia cor conven ch'i' porti ../Di vil matera mi conven parlare IncludiIntestazione 8 maggio 2019 100% Da definire

Le Rime di Guido Cavalcanti - Poi che di doglia cor conven ch'i' porti Le Rime di Guido Cavalcanti - Di vil matera mi conven parlare
[p. 131 modifica]

l’Orlandi a Guido.


Per troppa sottiglianza il fil si rompe
     e ’l grosso ferma l’arcone al tenero:
     e, se la sguarda non dirizza al vero,
     in te forse t’avven, che se ripompe.

E qual non pone ben dritto lo sompe,
     traballa spesso non languendo intero
     . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
     . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Ch’amor sincero non piange nè ride:
     in ciò conduce spesso uomo o fema,
     per segnoraggio prende e divide.

E tu ’l feristi e nolli parla sema.
     Ovidio leggi; più di te ne vide.
     Dal mio balestro guarda ed aggi tema.