Quella che in cor l'amorosa radice

Onesto da Bologna

Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu Sonetti Letteratura Quella che in cor l'amorosa radice Intestazione 23 maggio 2016 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime (Cino da Pistoia)
[p. 54 modifica]

M. ONESTO BOLOGNESE A M. CINO


     Quella che in cor l’amorosa radice
Mi piantò nel primier che mal la vidi,
Cioè la dispietata ingannatrice,
A morir m’ha condotto; e stu nol cridi,
     5Mira gli occhi miei morti in la cervice,
E del cor odi gli angosciosi stridi,
E dell’altro mio corpo ogni pendice,
Che par ciascuna che la morte gridi.
     A tal m’ha giunto mia donna crudele
10Ch’entro tal dolor sento in ogni parte,
Che l’alma a forza dallo cor si parte;
     Chè ’l mio dolzor con l’amaror del fele
Haggio ben visto, Amor, com’ si comparte.
Ben ti consiglio, di lui servir guarte.