Quel dí

Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Quel dí Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Sigaro Duro pensier
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 221 modifica]

XCI

QUEL DÌ

Diva Morte, quel di, che, il capo stanco
nel tuo sen reclinato, io m’addormenti,
con te prendi, se puoi, prendi pur anco
le alate rime ch’io lanciai ne’venti.
Il saperle con te duro fia manco
che date a l’aura delle ambigue genti:
l’insigne mondo or si travaglia al banco,
e lá vibra sua celia ai numi spenti.
Lasciam l’insigne mondo e la sua cura;
e tu spargi fra i salci, o diva Morte,
qualche strofa d’amor su me sepolto.
Vagheggiarti qua giú fu mia ventura:
e, fermo il passo a le tenarie porte,
darò, nud’ombra, a le tue note ascolto.