Quel cieco Amor, cui cieca turba adora

Antonio Maria Tommasi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Quel cieco Amor, cui cieca turba adora Intestazione 30 giugno 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT



[p. 401 modifica]

I


Quel cieco Amor, cui cieca turba adora
     Come suo Nume, ed è suo fier Tiranno,
     Di poche rose i suoi seguaci infiora,
     E mille figge in lor spine d’affanno.
5Pur quegli Stolti il duoi, ch’entro gli accora,
     Soffrendo, il rio Signor fuggir non sanno,
     E gli fan voti, e benedicon l’ora,
     In cui gli trasse nell’iniquo inganno.
Poichè sovente una bugiarda spene
     10Vie più gli accende, e dice: oh qual contento
     Nascerà in breve al cuor da tante pene!
Folli! Ma cento pur sentiro e cento
     Servi d’Amore alfin l’aspre catene
     Bestemmiar tra vergogna, e pentimento.