Quando Eugenio pugnò, del gran Clemente

Antonio Ottoboni

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Quando Eugenio pugnò, del gran Clemente Intestazione 26 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Antonio Ottoboni


[p. 309 modifica]

IV1


Quando Eugenio pugnò, del gran Clemente
     Vologli al fianco la paterna idea;
     Onde dal Vatican nell’Oriente
     In aiuto de’ Figli egli accorea
5Ella del Pio Campion la saggia mente
     Di quel zelo infiammò, che l’accendea,
     Forte cosí, che della man possente
     Non sostenne il valor la turbarea.
Passò poi di Corcira al muro infranto,
     10E provida soccorse a quel recinto
     Colle preci, coll’armi, e col suo pianto.
Or se di palme e l’Austria, e l’Adria la cinto,
     E diè ai Regi gli acquisti, a i duci il vanto;
     Sol col braccio di Dio Clemente ha vinto.


Note

  1. Per la vittoria di Temisvar. Alla santità di Clemente XI.