Qualor di nuovo e sovruman splendore

Pietro Antonio Bernardoni

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Qualor di nuovo e sovruman splendore Intestazione 3 luglio 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Pietro Antonio Bernardoni


[p. 65 modifica]

II


Qualor di nuovo e sovruman splendore
     In me Nice rivolge i lumi ardenti,
     Nè degnando mirar su l’altre genti,
     Tutto prova in me solo il suo valore;
5Ognun de’ sguardi suoi mi passa il cuore
     Per la via, che ben sanno i rai lucenti;
     E giunto a lui, con non so quali accenti
     Si ferma seco a ragionar d’amore.
E solo Amor, che in compagnia di quelli
     10M’entrò nel sen, potrìa ridire altrui
     Di quai gran cose ognun di lor favelli.
Già nol poss’io, perchè in mirar que’ dui
     Fonti della mia fiamma, occhi sì belli,
     In lor fuori di me rapito io fui.