Apri il menu principale

Qual mi destano in petto alto stupore

Giulio Bussi

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Qual mi destano in petto alto stupore Intestazione 12 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giulio Bussi

[p. 82 modifica]

XII1


Qual mi destano in petto alto stupore
     Queste, che gran pennello in tele avviva,
     La romana Lucrezia, Elena argiva,
     L’una d’amor trofeo, l’altra di onore!
5Quella, perchè la colpa ebbe in orrore,
     De Regi suoi l’augusta Patria ha priva;
     Questa, perchè gradì d’esser lasciva,
     Fè la famosa Troia esca d’ardore
Oh scherzo di destin troppo spietato!
     10La potenza di Priamo allor fu doma
     Sol da ciò che ai Tarquini avria giovato.
Tebro, avriano i tuoi Re serto alla chioma,
     Santo, vivrebbe ancor Troia, se ’l fato
     Dava Lucrezia a Sparta, Elena a Roma.

Note

  1. Elena e Lucrezia dipinte in un quadro.