Apri il menu principale

Qual augellin, ch'uscir di guai si crede

Scipione Maffei

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Qual augellin, ch’uscir di guai si crede Intestazione 28 luglio 2018 100% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Scipione Maffei


[p. 245 modifica]

II


Qual augellin, ch’uscir di guai si crede,
     Talora in stanza adorna il volo sciolse,
     E verso là tutto desìo si volse,
     Onde il lucido giorno entrar si vede;
5Ma poco va, che trattenersi il piede
     Sente dal filo, che il fanciulli gli avvolse;
     E cade al suol con l’ali larghe, e duolse,
     Nè tenta più, nè più in sue piume ha fede.
Così d’erger mia mente, e dell’impaccio
     10Uscir di quel pensier, ch’ognor mi preme,
     Prov’io talor, ma poi ricado e giaccio;
Poichè d’intorno al cor, ch’indarno geme,
     Sento stringersi allor l’usato laccio,
     E in pena dell’ardir perdo la speme.