Qual Fiumicel, che se tra verdi sponde

Vincenzo Leonio

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Qual Fiumicel, che se tra verdi sponde Intestazione 5 novembre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Vincenzo Leonio


[p. 238 modifica]

VI1


Qual Fiumicel, che se tra verdi sponde
     Nutre erbe e fior di vago prato in seno,
     Limpida è sì, che specchio al Ciel sereno,
     Alle Ninfe, e a’ Pastor forma coll’onde;
5Ma se per valli paludose immonde
     Rivolge il corso, o in arido terreno;,
     Coll’alto limo, onde il lor fondo è pieno,
     La chiarezza natìa mesce, e confonde,
Tal il fuoco d’amor chiaro risplende,
     10Ardendo in cuor gentil: ma in rozzi petti
     Perde il suo lume, oscuro e vil si rende.
Amor dunque non è, che i nostri affetti
     Al bene, o al mal diversamente accede;
     Ma o buoni, o rei, prende da noi gli effetti.


Note

  1. Se l’Amore sia degno di lode, o di biasimo.