Progetto:Bibbia/Diodati/Tito

Pagina:La_Sacra_Bibbia_(Diodati_1885).djvu/973Modifica


1 

PAOLO, servitor di Dio, e apostolo di Gesù Cristo, secondo la fede degli eletti di Dio, e la conoscenza della verità, che è secondo pietà; 

2  in isperanza della vita eterna la quale Iddio, che non può mentire, ha promessa avanti i tempi de’ secoli;

3  ed ha manifestata ai suoi propri tempi la sua parola, per la predicazione che mi è stata fidata, per mandato di Dio, nostro Salvatore;

4  a Tito, mio vero figliuolo, secondo la fede comune; grazia, misericordia, e pace, da Dio Padre, e dal Signor Gesù Cristo, nostro Salvatore.

5  PER questo ti ho lasciato in Creta, acciocchè tu dia ordine alle cose che restano, e costituisca degli anziani per ogni città, siccome ti ho ordinato;

6  se alcuno è irreprensibile, marito d’una sola moglie, che abbia figliuoli fedeli, che non sieno accusati di dissoluzione, nè ribelli.

7  Perciocchè conviene che il vescovo sia irreprensibile, come dispensatore della casa di Dio; non di suo senno, non iracondo, non dato al vino, non percotitore, non disonestamente cupido del guadagno;

8  anzi volonteroso albergatore de’ forestieri, amator de’ buoni, temperato, giusto, santo, continente.

9  Che ritenga fermamente la fedel parola, che è secondo ammaestramento; acciocchè sia sufficiente ad esortar nella sana dottrina, ed a convincere i contradicenti.

10  Perciocchè vi son molti ribelli, cianciatori, e seduttori di menti; principalmente quei della circoncisione, a cui convien turare la bocca.

11  I quali sovverton le case intiere, insegnando le cose che non si convengono, per disonesto guadagno.


12  Uno di loro, lor proprio profeta, ha detto: I Cretesi son sempre bugiardi, male bestie, ventri pigri.

13  Questa testimonianza è verace; per questa cagione riprendili severamente, acciocchè sieno sani nella fede;

14  non attendendo a favole giudaiche, nè a comandamenti d’uomini che hanno a schifo la verità.

15  Ben è ogni cosa pura a’ puri; ma a’ contaminati ed infedeli, niente è puro; anzi e la mente e la coscienza loro è contaminata.

16  Fanno professione di conoscere Iddio, ma lo rinnegano con le opere, essendo abbominevoli e ribelli, e riprovati ad ogni buona opera.

2  MA tu, proponi le cose convenienti alla sana dottrina.

2  Che i vecchi sieno sobri, gravi, temperati, sani nella fede, nella carità, nella sofferenza.

3  Parimente, che le donne attempate abbiano un portamento convenevole a santità; non sieno calunniatrici, non serve di molto vino, ma maestre d’onestà.

4  Acciocchè ammaestrino le giovani ad esser modeste, ad amare i lor mariti, ed i loro figliuoli;

ad esser temperate, caste, a guardar la casa, ad esser buone, soggette a’ propri mariti; acciocchè la parola di Dio non sia bestemmiata.

6  Esorta simigliantemente i giovani che sieno temperati,

7  recando te stesso in ogni cosa per esempio di buone opere; mostrando nella dottrina integrità incorrotta, gravità, parlar


Tat. 18. 2, e rif. 2 Tim, 1. 16

Fat. 19. 22.

Tat. 20. 4: 21.29.

2 Tim. 1. 1.

S Num. 23. 19. 2 Cor. 2. 12; 7. 13 ; 8. 6, 16, 23 ; 12. 18. Gal. 2. 3. Fat. 11. 23. i 1 [[errore/capitolo

3#capitolo

3versetto2|Tim.

3. 2]], ecc. 1 Cor. 4. 1, 2. • Fat. 15. 1. ecc. Mat. 1. 5. 9. Kom. 14. 14, 20. 1 Tim. 4. 3, 4.

ITim. 2. 9, 10:3.11. IPiet. 3. 3, 4. « 1 Tim. .5. 14. Ef. 5. 22, ecc. 1 Tim. 4. 12. lPiet. 5. 3.

Pagina:La_Sacra_Bibbia_(Diodati_1885).djvu/974Modifica

sano, irreprensibile:

acciocchè l’avversario sia confuso, non avendo nulla di male da dir di voi. 

9  Che i servi sieno soggetti a’ propri signori, compiacevoli in ogni cosa, non contradicenti;

10  che non usino frode, ma mostrino ogni buona lealtà; acciocchè in ogni cosa onorino la dottrina di Dio, Salvator nostro.

11  PERCIOCCHÈ la grazia salutare di Dio è apparita a tutti gli uomini;

12  ammaestrandoci che, rinunziando all’empietà, e alla mondane concupiscenze, viviamo nel presente secolo temperatamente, e giustamente, e piamente;

13  aspettando la beata speranza, e l’apparizione della gloria del grande Iddio, e Salvator nostro, Gesù Cristo.

14  Il quale ha dato sè stesso per noi, acciocchè ci riscattasse d’ogni iniquità, e ci purificasse per essergli un popolo acquistato in proprio, zelante di buone opere.

15  Proponi queste cose, ed esorta, e riprendi con ogni autorità di comandare. Niuno ti sprezzi.

3  Ricorda loro che sieno soggetti a’ principati, ed alle podestà; che sieno ubbidienti, preparati ad ogni buona opera.

2  Che non dican male di alcuno; che non sien contenziosi, ma benigni, mostrando ogni mansuetudine inverso tutti gli uomini.

3  Perciocchè ancora noi eravamo già insensati, ribelli, erranti, servendo a varie concupiscenze, e voluttà; menando la vita in malizia, ed invidia; odiosi, e odiando gli uni gli altri.

4  Ma, quando la benignità di Dio, nostro Salvatore, e il suo amore inverso gli uomini è apparito,


5  egli ci ha salvati; non per opere giuste, che noi abbiam fatte; ma, secondo la sua misericordia, per lo lavacro della rigenerazione, e per lo rinnovamento dello Spirito Santo;

6  il quale egli ha copiosamente sparso sopra noi, per Gesù Cristo, nostro Salvatore.

7  Acciocchè, giustificati per la grazia d’esso, siam fatti eredi della vita eterna, secondo la nostra speranza.

8  Certa è questa parola, e queste cose voglio che tu affermi; acciocchè coloro che hanno creduto a Dio abbiano cura d’attendere a buone opere. Queste sono le cose buone ed utili agli uomini.

9  Ma fuggi le stolte quistioni, e le genealogie, e le contese e risse intorno alla legge; poichè sono inutili e vane.

10  Schiva l’uomo eretico, dopo la prima e la seconda ammonizione;

11  sapendo che il tale è sovvertito e pecca, essendo condannato da sè stesso.

12  QUANDO io avrò mandato a te Artema, o Tichico, studiati di venire a me in Nicopoli; perciocchè io son deliberato di passar quivi il verno.

13  Accommiata studiosamente Zena, il dottor della legge, ed Apollo; acciocchè nulla manchi loro.

14  Or imparino ancora i nostri d’attendere a buone opere per gli usi necessari, acciocchè non sieno senza frutto.

15  Tutti quelli che sono meco ti salutano. Saluta quelli che ci amano in fede. La grazia sia con tutti voi. Amen.


1 Piet. 2. 12, 15 ; 3. 16. Ef. 6. 5, ecc. 1 Tim. 6. 1, 2. Mat. .>>. 16. Fil. 2. 1.5. < Giov. 1. 9.

Rom. 5. 1.5. 1 Tim. 2. S- 6. Rom. 6. 19. 1 Tess. 4. 7. 1 Piet. 4. 2. / Eb. 9. 28. 2 Piet. .3. 12.

y Gal. 1. 4; 2. 20. Ef. 2. 10. 1 Piet. 2. 9. Rom. i;5. 1. 1 Piet. 2. 18, 14. Eb. 13. 21.

Ef. 4. 81. Col. 3. 12. Ef. 2. 1, 3. 1 Piet. 4. 3. Rom. 3. 20. Gal. 2. 16. Ef. 2. 8, 9.

P Giov. 3. 3, 5. Ef. .5. 26. 1 Piet. 3. 21. ? Fat. 2. 33; 10. 45. Rom. 3. 24. Mat. 18. 17.

Rom. 16. 17. 2Tess. 3. 6. 11. 2 Giov. ver. 10. 11. 2 Tim. 4. 12, e rif. « Fat. 18. 24, e rif.

« Ef. 3. 1; 4. 1. Col. 4. 17. y Rom. 16. 5, 1 Cor. 16. 19. Ef. 1. 15, 16.

96tj