Apri il menu principale
Faustina Maratti

1833 P Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Intestazione 5 novembre 2016 75% Canzoni

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime dell'avvocato Gio. Batt. Felice Zappi e di Faustina Maratti sua consorte

[p. 39 modifica]

XXIV1


Prese per vendicar l’onta e l’esiglio,
     Marzio de’ vinti Volsci il sommo impero,
     E impaziente inesorabil fero
     Cinse la patria di fatal periglio.
5E ben potea sotto l’irato ciglio
     Servo mirar lo stuol de’ Padri intero:
     Ma si oppose Vetturia al rio pensiero,
     E andò sola ed inerme incontro al figlio.
Quando a baciarla ei corse: allor costei:
     10Ferma, che figlio tu di rupi alpine,
     E non di Roma o di Vetturia, sei.
Egli allor rese pace al campidoglio,
     E quel che non potean l’armi latine,
     Fè d’una donna il glorioso orgoglio.

Note

  1. Vetturia