Poichè la bella Ebrea l'alto pensiero

Giulio Bussi

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Poichè la bella Ebrea l'alto pensiero Intestazione 12 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giulio Bussi
[p. 82 modifica]

XI1


Poichè la bella Ebrea l’alto pensiero
     Per la fè, per la patria in se rivolse;
     Tutta piena di Dio, con guardo altero
     Quindi a beltà, quincia virtù si volse.
5Voi siate meco,disse; e il lusinghiero
     Viso, e ogni vezzo in lei beltade accolse:
     Virtù dielle il vigore, e così il fiero
     Duce trafisse, e il patrio suol disciolse.
Oggi torna Giuditta, e tanto appaga
     10Colle dolci armonie di stil sì degno
     Ch’io non so se in Betulia era sì vaga.
So, che l’ire rivolse a più bel segno:
     se un Duce uccise, or l’Obblio cieco impiaga,
     Mostro là di fortezza, e quì d’ingegno.

Note

  1. Per la Giuditta. Oratorio