Apri il menu principale

Poesie varie (Pascoli)/Dal 1896/A Enrico Ferri un vecchio compagno di Università

../A Severino Ferrari

../La voce dei poveri IncludiIntestazione 7 novembre 2012 100% Da definire

Dal 1896 - A Enrico Ferri un vecchio compagno di Università
Dal 1896 - A Severino Ferrari Dal 1896 - La voce dei poveri
[p. 150 modifica]

A ENRICO FERRI

un vecchio compagno di Università

(In un albo)


Con voce acuta di bufera
          tu gridi al gran popolo: Avanti!
Io tra la mischia a me straniera
          4sollevo i miei placidi canti.

Tu fai, per le battaglie al sole,
          di cuori infiniti un sol cuore.
Io cerco nelle notti sole
          8chi cadde, chi piange, chi muore.

Domani? Tu cadrai, domani!
          domani? Domani, io cadrò!
Nel campo dove tu rimani,
          12io più non combatto, ma sto.

Udresti, udresti, tu caduto
          sonar nel tuo cuore il mio canto!
L’udrei, l’udrei per sempre io muto
          16sonar sul mio capo il tuo pianto!

[p. 151 modifica]


O forse accanto, gli occhi fissi
          e i cuori già quasi distrutti,
diremo: — Per chi soffre io vissi...
          20— Per tutti! il dolore è di tutti...

Diremo; e strettaci la mano
          c’incammineremo di là,
cercando, avanti noi, lontano,
          24la morte o l’immortalità.

Bologna, 10 febbraio 1906.