Poesie campestri/La Giovinezza

La Giovinezza

../La Melanconia ../Le quattro parti del giorno IncludiIntestazione 14 febbraio 2011 100% Poesie

La Melanconia Le quattro parti del giorno
[p. 157 modifica]

LA GIOVINEZZA.


I.

Di folto e largo faggio
Sotto l’intreccio verde,
Per cui varcando perde
Il più cocente raggio,
Un bel mattin di Maggio5
Vidi posare il fianco
Bellissima una Donna:
Il color della gonna
Era purpureo, e bianco.

[p. 158 modifica]
II.


In questo, e in quel colore10
La guancia si tingea:
Nelle pupille ardea
Un tremolo fulgore.
Par che il seren del core
Su la fronte si spanda,15
E passi in chi la mira;
E intorno al crin le gira
Di rose una ghirlanda.

III.


È dunque invan ch’io scampo,
Amor, dalla tua mano,20
Ed io qui fuggo invano
Della tua face il lampo.
Se tra la selva e il campo
S’offron tai rischi al ciglio,
Per pace invan qui movo,25
Poi che maggior non trovo
Nelle città periglio.

[p. 159 modifica]
IV.


Levossi allora, e il viso,
Come se letto intero
Avesse il mio pensiero,30
Colei vestì d’un riso.
Poi, guardandomi fiso,
Fece volar tal suono:
Non dubitar, più mai
Tu non mi rivedrai,35
La Giovinezza io sono.

V.


E volte a me le spalle
Si pose tosto in via.
Degli occhi io la seguía,
Ch’iva di valle in valle;40
E lei veggendo il calle
Premer con gran prestezza,
Nè su la propria traccia
Rivolger mai la faccia,
Dissi: è la Giovinezza.45

[p. 160 modifica]
VI.


Dunque i bei dì fuggiro?
Io Primavera ovunque
Volgo le ciglia dunque,
Fuor che in me stesso, or miro?
Ragion, con te m’adiro:50
Quel volator selvaggio
Canta, e non sente affanno,
Che tolto gli abbia un anno
Il ritornato Maggio.

VII.


Del tempo ancor non giunto,55
Di quel per sempre scorso
Nè tema, nè rimorso
Lo tiranneggia, punto.
D’amico, o di congiunto
Nell’imbianchito crine,60
Nel viso trasformato
Non legge il proprio fato,
Non legge il proprio fine.

[p. 161 modifica]
VIII.


Ma tal meco rampogna
Usa un pensier: Son questi65
Gli affetti alti ed onesti,
A cui tuo spirto agogna?
Deh gli occhi util vergogna
Ti schiuda, e le Compagne
Riguarda omai di quella70
Bellissima Donzella,
Che ora da te si piagne.

IX.


Una di queste getta
Qua e là gli sguardi ognora,
Muta spesso dimora,75
Ed Incostanza è detta.
Vedi quell’altra? In fretta
Tutto far suol, nè, come
Su la mal nota strada
Pianti il suo piè, mai bada,80
Ed Imprudenza ha nome.

[p. 162 modifica]
X.


Ah tolgano le stelle,
Che, partita la Diva,
Teco su questa riva
Rimangano le Ancelle.85
Tutte l’età son belle:
E la Saggezza vera
Gode, benchè sul crine
Biancheggino le brine,
Gioconda Primavera.90