Apri il menu principale

Per tanto pianger ch'i miei occhi fanno

Dino Frescobaldi

1910 T Indice:The Oxford book of Italian verse.djvu Letteratura Intestazione 27 gennaio 2016 75% Sonetti

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta The Oxford book of Italian verse

[p. 82 modifica]

PER tanto pianger ch’i miei occhi fanno,
     Lasso! faranno l’altra gente accorta
     Dell’aspra pena, che lo mio cor porta
     Delli rei colpi che ferito l’hanno:
Chè i miei dolenti spirti, che vanno
     Pietà caendo, che per loro è morta,
     Fuor della labbia sbigottita e smorta
     Partirsi vinti, e ritornar non sanno.
Questo è quel pianto, che fa gli occhi tristi
     E la mia mente paurosa e vile,
     Per la pietà che di se stessa prende.
O dispietata saetta e sottile,
     Che per mezzo lo fianco il cor m’apristi,
     Com’è ben morto chi ’l tuo colpo attende!