Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) II.djvu/56


MEDEA 53
Tragedie di Euripide (Romagnoli) II-0056.png

Arriva Egeo vestito da viaggiatore.

egeo

Salve, Medea! Ché a salutar gli amici
miglior proemio nessun mai trovò.

medea

Anche a te salve, Egèo, figlio del saggio
Pandíone7: a questo suol di dove giungi?

egeo

Di Febo or or lasciai l’antico oracolo.

medea

Della terra isti all’umbilico?8 A che?

egeo

A chieder come seme avrò di figli.