Pagina:Tragedie di Euripide (Romagnoli) II.djvu/230


Tragedie di Euripide (Romagnoli) II-0230.png

CANTO D'INGRESSO DEL CORO


Entra il coro, composto di donne Fenicie.

Strofe

Lasciando il Tirio pelago,
dall’isola Fenicia9, al Nume ambiguo,
primizia di vittoria
venni, ministra al tempio
di Febo. E qui, sotto il Parnasio vertice
di nevi ognora grave,
abitai, poi che I’Ionio
percorsi, e i piani sterili
che cingon la Sicilia
valicò la mia nave,
fra l’alitar, fra l’equitar di Zefiro;
e il cielo empieva un mormorio soave.

Antistrofe

Giunsi, come elettissimo
dono, dalla città scelto, ad Apòlline