Apri il menu principale
8 solon

72ma non muore il canto che tra il tintinno
della pèctide apre il candor dell’ale.
E il poeta fin che non muoia l’inno,
                    vive, immortale,


76poi che l’inno (diano le rosee dita
pace al peplo, a noi non s’addice il lutto)
è la nostra forza e beltà, la vita,
                    l’anima, tutto.


80E chi voglia me rivedere, tocchi
queste corde, canti un mio canto: in quella,
tutta rose rimireranno gli occhi
                    Saffo la bella.


84Questo era il canto della Morte; e il vecchio
Solon qui disse: Ch’io l’impari, e muoia.