Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/342

336 poemetti allegorico-didascalici

CCX

[Vergogna, Diletto e Ben-Celare.]

     Vergogna mise allor man a la spada
e sí se ne vien dritta ver Diletto.
Immantenente lo scudo ebbe al petto,
4e disse: «Come vuole andar, si vada,
ched i’ te pur farò votar la strada,
o tu farai di piana terra letto».
Allor lo fie’ con molto gran dispetto,
8come coiei ch’a uccider lo bada,
     sí che lo mise giú tutto stenduto,
e sí l’avrebbe fesso insino a’ denti.
11Ma quando Ben-Celar l’ebbe veduto,
perciò ch’egli eran distretti parenti,
immantenente sí gli fece aiuto.
14Vergogna disse: «I’ vi farò dolenti».

CCXI

[Ben Celare, Vergogna e Paura.]

     Molt’era buon guerrier quel Buon-Celare:
alzò la spada, e sí fiede Vergogna
sí gran colpo ched ella tutta ingrogna,
4e poco ne fallí d’a terra andare.
E poi la cominciò a predicare,
e disse: «Tu non temi aver vergogna
di me; chéd e’ non ha di qui a Bologna
8nessun, ch’un fatto saccia me’ celare
     che saprò io, e per ciò porto il nome».
Vergogna sí non seppe allor che dire,
11Paura la sgridò; «Cugina, come
ha’ tu perduto tutto tuo ardire?
Or veggh’i’ ben ch’è vita troppo dura,211-13
14quando tu hai paura di morire».