Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/328

322 poemetti allegorico-didascalici

CLXXXII

La Vecchia.

     «Quando ’l cattivo, che sará ’ncacato,
la cui pensea non serà verace,
sí crederá che ’l fatto su’ ti piace
4tanto, ch’ogn’altro n’hai abbandonato,
e che ’l tu’ cuor gli s’è tretutto dato;
né non si guarderá de le fallace
in che la volpe si riposa e giace,
8insin ch’e’ non será ben corredato.
     Ché molt’è folle que’ che cred’avere
nessuna femina che sia sua propia,
11per don ched e’ facesse di su’ avere.
Que’ che la vuol, la cheggia ’n Atiopia,
ché qua no lla pott’io ancor vedere,
14e, s’ella ci è, si porta la ritropia.»

CLXXXIII

La Vecchia.

     «Da l’altra parte elle son franche nate;
la legge sí le tra’ di lor franchezza,
dove natura per sua nobilezza
4le mise, quando prima fur criate.
Or l’ha la legge sí condizionate;
ed halle messe a sí gran distrezza,
che ciascheduna volontier s’adrezza
8come tornar potesse a franchitate.
     Vedi l’uccel del bosco quand’è ’n gabbia:
e’ canterá di cuor, ciò vi fi’ avviso,
11ma no gli piace vivanda ch’egli abbia;
ché natur’a franchezza l’ha sí miso183-12
che giorno e notte de l’uscirne arrabbia,
14non avrá tanto miglio o grano o riso.»