Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/275


il fiore 269

LXXVI

L’Amante e Ricchezza.

     — «Per dio, gentil madonna, e per merzede»
le dissi allor «s’i’ ho ver voi fallato,
ched e’ vi piaccia ched e’ sia ammendato
4per me, chéd i’ ’l farò a buona fede.
Ch’i’ son certan che ’l vostro cuor non crede
com’io dentro dal mio ne son crucciato;
ma quando vo’ m’avrete ben provato,
8e’ sará certo di ciò ch’or non vede.
     Per ch’i’ vi priego che mi diate il passo,
ched i’ potesse abbatter il castello
11di Gelosia, che m’ha sí messo al basso.»
Quella mi disse: «Tu se’ mio ribello;
per altra via andrai, ché sara’ lasso
14innanzi che n’abbatti un sol crinello».

LXXVII

L’Amante e Dio d’amore.

     Giá non mi valse nessuna preghera
ched i’ verso Ricchezza far potesse,
ché poco parve che le ne calasse,
4sí la trovai ver me crudel e fera.
Lo Dio d’amor, che guar lungi non m’era,
mi riguardò com’io mi contenesse,
e parvemi ched e’ gli ne increscesse:
8sí venne a me e disse: «In che manera,
     amico, m’hai guardato l’omanaggio
che mi facesti, passat’ha un anno?»,
11I’gli dissi: «Messer, vo’ avete il gaggio».
«Or, ch’è?» «Il core.» — «E’ non ti fia giá danno,77-12
ché tu ti se’ portato come saggio:
14sí avrai guiderdon del grande affanno.»