Pagina:MarinellaDellaNobiltàEtDell'EccellenzaDelleDonneEt.djvu/14


Et Dante:

Per quella riverentia, che s'indonna.

Da tutte queste chiarissime autorità de' Scrittori addotte si vede apertamente, che questo nome di Donna(invero come dice il Guarino, Secretario del gran Duca di Toschana, Don del Cielo) denota signoria, et imperio: ma placido dominio à punto corrispondente alla natura della Dominante. che s'ella signoreggiasse à guisa di Tiranno, come fanno i poco cortesi maschi, forse starebbono mutoli l'insolenti detrattori di questo nobil sesso. Sono alcuni, che credono, che il nome di Donna non si convenga à tutto il sesso femminile, et n'escludono le vergini; della quale opinione è Giuseppe Passi, parendoli [Errore del Passi intorno al nome di donna] che un tal nome sia troppo nobile per adattarlo a tutto il sesso; ma io con le auttorità de' Poeti, et de' Prosatori dimostrerò chiaramente, che questo nome di Donna, etiando alle Vergini conviene. diede l'Ariosto il nome di Donna ad Angelica nel primo canto, pur Vergine, dicendo.

La donna il palafreno à dietro volta

Et parlando di Bradamante nel secondo canto dice.

La Donna amata fù da un Cavaliero
che a' Africa passò col Rè Agramante.

Et altrove ragionando pur di Bradamante.

Così l'elmo levandosi dal viso
Mostrò la donna aprirsi il paradiso

Et di Marfisa.

Voglia seguir la bellicosa donna.