Pagina:MarinellaDellaNobiltàEtDell'EccellenzaDelleDonneEt.djvu/13


Adriano Imperatore. Et fino al tempo di Homero si honorava questo sesso con sì illustre nome. Onde nel libro terzo dell'Odissea, parlando della moglie di Nestore nel latino cavato dal greco, si legge. Cui domina uxor lectum suum stravit et nel settimo, ragionando di Alcinoo Quem suis ipsa manibus Domina construerat. è tanto pieno di nobiltà questo nome di Donna che non solamente i Duchi: ma i Regi più grandi se lo usurpano, et attribuiscono. Onde si dice Don Cesare da Este Duca di Modona, Don Vincenzo Gonzaga, et Don Filippo d'Austria, Re di Spagna.. Et etiando i Poeti considerando l'eccellenza di questo nome, lo addattarono à Dei, et à qualunque cosa, che significa dominio et signoria. Onde il Petrarca, ragionando d'Amore, disse:

Per inganni, e per forza è fatto Donno.

Et Dante.

Ch'hebbe i nemici del suo Donno in mano

Et Torquato Tasso, parlando del sonno nel canto decimoquarto à stanza 94.

Quel serpe à poco, à poco, e si fà Donno
Sopra i sensi di lui possente, è forte

Et non contenti di haver fatto questo gran nome mascolino, ne hanno fabricati, e verbi, et adverbi tutti denotanti signoria, et dominio. Onde volendo il Boccaccio nelle sue Novelle dir signorilmente, disse quasi Donnescamente la Reina impose ad Elisa, che seguisse. usò il Petrarca Indonnare per signoreggiare, dicendo:

Fiamma d'Amor, che'ncor alto s'indonna