Apri il menu principale

Pagina:Manzoni.djvu/74

72 carme autobiografico.

figlio un Alessandro Manzoni.1 La madre del Manzoni, quando si recò a Parigi, non si faceva chiamare

    ricevute altre impressioni del nonno, fuori di quelle che gli furono comunicate dalla madre e dalla lettura delle opere, specialmente dei due libretti, Intorno ai Delitti e alle Pene, e Intorno alla Natura dello stile. In quest’ultima opera, quantunque scritta assai male, trovansi parecchi pensieri, che devono aver servito di base ai primi discorsi che il Manzoni tenne in Parigi col Fauriel intorno allo stile. Io ne accennerò alcuni che mi sembrano particolarmente essere divenuti manzoniani: «Un’eccellente poetica sarebbe quella che insegnasse a risvegliare in sè stesso l’indolente ed indeterminata sensibilità, che facesse scorrere lo spirito osservatore su tutte le cagioni che gli produssero piacere o dolore. — Sono le osservazioni sopra le interne operazioni dello spirito, non sulle esterne manifestazioni di esso, che formano le vere istituzioni. — Io parlo solamente a quegli animi pronti e penetranti che sanno ripiegarsi in sè medesimi e sentir profondamente, ed a quegl’ingegni arditi e liberi che si formano una scienza de’ loro pensieri e non degli scritti altrui.» Il sensismo del Condillac adoperato nella statistica è il fondamento della dottrina del Beccaria, che il Manzoni tradusse in pratica. «Il principal artificio (conchiudeva il Beccaria) di chi vuole riuscire eccellente scrittore sarà quello di ridurre a tutte le idee sensibili, componenti, tutto il corredo delle parole, delle quali egli, conversando e studiando, carica la memoria, il che finalmente si riduce al principio medesimo esposto nella prima parte di queste ricerche; se l’eccellenza dello stile consiste nell’esprimere immediatamente il massimo numero di sensazioni unibili colle idee principali, per mettersi in istato appunto di esprimere questo massimo numero, il miglior mezzo sarà quello di averne ricca l’immaginazione. Ora come mai ciò potrà aversi se tre quarti dell’istituzione nostra si fa per mezzo delle parole, ed è necessario di farlo attesa la complicata coltura de’ nostri costumi? non certamente in altra maniera, infuori che in quella di studiosamente e ad ogni occasione portare l’unione delle generali ed indeterminate espressioni alle sensibili, precise e determinate.

  1. Così l’Imbonati che ebbe per discepolo il Manzoni, aveva avuto per maestro il Parini! Il Manzoni stesso dovea avere per maestro un Monti, per amici un Foscolo ed un Fauriel, un Rosmini ed un Grossi, per critico un Goethe, per genero un Azeglio,