Apri il menu principale
varie volte NUMERI, 24. Israele.
stremità, tu non lo puoi veder tutto; e maledicimelo di là.

14  E lo condusse al campo di Sofim, nella cima di Pisga; ed edificò sette altari, e offerse un giovenco e un montone, sopra ciascuno altare.

15  E Balaam disse a Balac: Fermati qui presso al tuo olocausto, e io me ne andrò colà allo scontro:

16  E il Signore si fece incontro a Balaam, e gli mise la parola in bocca; e gli disse: Ritorna a Balac, e parla così.

17  Ed egli se ne venne a Balac; ed egli se ne stava presso al suo olocausto, e con lui erano i principi di Moab. E Balac gli disse: Che ha detto il Signore?

18  Ed egli prese a proferir la sua sentenza, e disse: Levati, Balac, e ascolta! Porgimi gli orecchi, figliuolo di Sippor.

19  Iddio non è un uomo, ch’egli menta; nè un figliuol d’uomo, ch’egli si penta; avrà egli detta una cosa, e non la farà? Avrà egli parlato, e non atterrà la sua parola1?

20  Ecco, io ho ricevuta commissione di benedire; e poi ch’egli ha benedetto2, io non posso impedir la sua benedizione.

21  Egli non iscorge iniquità in Giacobbe, e non vede perversità in Israele. Il Signore Iddio suo è con lui3, e fra esso v’è un grido di trionfo reale.

22  Iddio, che li ha tratti fuori di Egitto, È loro a guisa di forze di liocorno.

23  Perciocchè non v’è incantamento in Giacobbe, nè indovinamento in Israele; infra un anno, intorno a questo tempo, e’ si dirà di Giacobbe e d’Israele: Quali cose ha fatte Iddio?

24  Ecco un popolo che si leverà come un gran leone, e si ergerà come un leone; egli non si coricherà, finchè non abbia divorata la preda, e bevuto il sangue degli uccisi4.

25  Allora Balac disse a Balaam: Non maledirlo, ma pure anche non benedirlo.

26  E Balaam rispose, e disse a Balac: Non ti diss’io, ch’io farei tutto ciò che il Signore direbbe?

27  E Balac disse a Balaam: Deh! vieni, io ti menerò in un altro luogo; forse piacerà a Dio che di là tu mel maledica.

28  Balac adunque menò Balaam in cima di Peor, che riguarda verso il deserto.

29  E Balaam disse a Balac: Edificami qui sette altari, e apparecchiami qui sette giovenchi, e sette montoni.

30  E Balac fece come Balaam avea detto; e offerse un giovenco e un montone, sopra ciascuno altare.

24  Or Balaam, veggendo che piaceva al Signore di benedire Israele, non andò più, come l’altre volte, a incontrare
augurii; e dirizzò la faccia verso il deserto.

2  E, alzati gli occhi, vide Israele, stanziato a tribù a tribù. Allora lo Spirito di Dio fu sopra lui.

3  Ed egli prese a proferir la sua sentenza, e disse: Così dice Balaam, figliuolo di Beor, Così dice l’uomo che ha l’occhio chiuso:

Così dice colui che ode le parole di Dio, Che vede la visione dell’Onnipotente, che cade a terra, e a cui gli occhi sono aperti.

5  Quanto son belli i tuoi padiglioni, o Giacobbe! E i tuoi tabernacoli, o Israele!

6  Essi son distesi a guisa di valli; sono come orti presso a un fiume, come santali che il Signore ha piantati, come cedri presso all’acque.

7  Egli verserà dell’acqua delle sue secchie, e il suo seme sarà fra acque copiose, e il suo re sarà innalzato sopra Agag, e il suo regno sarà esaltato5.

8  Iddio, che l’ha tratto fuor di Egitto, gli sarà a guisa di forze di liocorno; egli consumerà le genti che gli saranno nemiche, e triterà loro le ossa6, e le trafiggerà con le sue saette.

Quando egli si sarà chinato, e si sarà posto a giacere come un leone, e come un gran leone, chi lo desterà? Coloro che ti benedicono saranno benedetti, E coloro che ti maledicono saranno maledetti7.

10  Allora l’ira di Balac si accese contro a Balaam; e, battendosi a palme, gli disse: Io t’ho chiamato per maledire i miei nemici; ed ecco, tu li hai pur benedetti già tre volte.

11  Ora dunque, fuggitene al tuo luogo; io avea detto che ti farei grande onore; ma ecco, il Signore ti ha divietato d’essere onorato.

12  E Balaam rispose a Balac: E io non aveva io detto a’ tuoi ambasciatori che tu mi mandasti:

13  Avvegnachè Balac mi desse piena la sua casa d’argento, e d’oro, io non potrei trapassare il comandamento del Signore, per far cosa alcuna, buona o malvagia, di mio senno; ciò che il Signore mi avrà detto, quello dirò?

14  Ora dunque, io me ne vo al mio popolo; vieni, io ti consiglierò; e ti dirò ciò che questo popolo farà al tuo popolo negli ultimi tempi.

15  Allora egli prese a proferir la sua sentenza, e disse: Così dice Balaam, figliuolo di Beor; Così dice l’uomo che ha l’occhio chiuso:

16  Così dice colui che ode le parole di Dio; e che intende la scienza dell’Altissimo; Che vede la visione dell’Onnipotente,
  1. Giac. 1. 17.
  2. Gen. 12. 2; 22. 17
  3. Es. 29. 45, 46.
  4. Gen. 49. 9, 27.
  5. 2 Sam. 5. 12.
  6. Sal. 2. 9.
  7. Gen. 12. 3; 27. 29

141