Pagina:Il Buddha, Confucio e Lao-Tse.djvu/474


parte seconda 397

logo de’ libri che si conoscevano, notò il nome di seicentoventiquattro autori, che avevano scritto più di undicimila capitoli intorno a materie diverse.1

Il terzo periodo è quello, in cui fiorì il Buddhismo. Tutte le menti sono occupate dalla nuova credenza, che veniva d’Occidente; i dotti cercano e studiano le scritture del Tripitaka; la metafisica buddhica ferma l’attenzione dei filosofi cinesi; l’astronomia, la mitologia, la grammatica indiana sono pure coltivate con amore, per potere intender bene i libri della religione di Çâkya. La letteratura buddhica prende insomma un posto importante nella cultura e nella civiltà cinese.

Con la dinastia di Thang (618-906 d. C.) cessò alquanto il fervore per la dottrina straniera di Çâkyamuni; e sorse un’èra propizia per gli studii delle belle lettere, e specialmente della poesia. La Cina non contò mai tanti poeti quanti allora, alcuni dei quali veramente eccellenti. Gli spiriti, stanchi dell’astruserie della metafisica indiana, e delle fantasticherie de’ seguaci di Lao-tse, si riposavano in que’ campi sereni; e nessun filosofo, tranne Han Wén-kung,2 venne col suo cipiglio a turbare la gio-


  1. Il sunto, che si reca qui sotto, di quest’opera bibliografica di Liu-Hsiang, condotta a termine dopo la morte di lui dal figliuolo Liu-Hsin, fa conoscere lo stato e la ricchezza della letteratura confuciana nell’ultimo secolo avanti l’èra nostra. Opere intorno ai King e agli Shu, 3,213 cap. (phien) 103 autori » » alla Filosofia 2,705 » 137 » » » alla Poetica 1,318 » 106 » » » all’Arte militare 790 » 53 » » » alle Matematiche 2,528 » 190 » » » alla Medicina 865 » 36 »
  2. Han-Yü Thui-cih soprannominato Cang-li, e più comunemente conosciuto col nome di Han Wén-kung, visse dal 765 all’824 e fu anch’egli poeta. Come filosofo, benchè ammiratore della dot-