Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/72

66 ATTO TERZO

SCENA IV1.
Tonino solo.

Tonino. No vedo l’ora de maridarme. Che i me daga che muggier che i vol, pur che la sia una donna, mi son contento. Sta siora Rosaura la me piase assae; la toria volentiera; ma gh’ho un pochetto de suggizion de quel sior romano, che me vol sfidar alla spada. Gh’ho paura che el me mazza e a mi me preme salvar la panza per i fighi. Se no la sarà questa, la sarà un’altra. A un putto della mia sorte no manca muggier. Tutte gh’averà ambizion de sposar sto tocco de omo. Per diana, bisogna dir la verità, son un zovene molto ben fatto. Che bel taggio de vita! Che aria da zentilomo! In sto portego no ghe xe gnanca un specchio. Me vôi vardar in tel mio specchietto, (cava di tasca un picciolo specchio) Oh bello! Oh bello! questa perucca è proprio tagliata sull’aria del mio bel volto. Se toscaneggia a rotta de collo. La bella perucca fa più bella la bellezza del volto, ed il bel volto fa più bella la bellezza della perucca, onde fra la gara di queste bellezze spicca sempre più la bella grazia del signor Tonin Bella grazia. Gran mi! gran spirito! co presto che ho impara a parlar romano! che profitto che ho fatto a camminar el mondo! Roma sarà incantada. Venezia se butterà de logo2. I me metterà su i foggietti. Sarò nomina più de Pasquin e Marforio. Che bella bocca ridente! che sguardo vezzoso! Voggio cresser alla bellezza natural dei altri artifiziali artifizi. (si mette dei nei sul viso

SCENA V.
Rosaura, Florindo e detto, poi il Servitore.

Tonino. (Oimei! xe qua quel sior dalla spada). (timoroso)

Rosaura. Signor Tonino, non vi dia ombra alcuna vedermi venir

  1. Nella ed. Paperini, e in altre che la ricopiano, è sbagliata la numerazione della scena presente e delle susseguenti.
  2. V. nota (1), a pag. 37.