Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/43


IL FRAPPATORE 37


Fabrizio. A Venezia non ci sono partiti per maritarvi?

Tonino. A Venezia non ho trova gnente, che me daga in tel genio; e sì, tutte le putte me correva drio. Co passava per strada, l’istà spezialmente, senza tabarro, colla perucca stuccada, ziogando alla bandiera col fazzoletto de renso1, le correva tutte al balcon, le se buttava de logo2; le se diseva una con l’altra: Putte, xe qua sior Tonin Bella grazia: vardè el lustrissimo sior Tonio Bella grazia. Le me buttava dei fiori, mi li chiappava per aria, me li metteva in sen. Gh’aveva una camisa de renso, che sfiamegava. Un per de maneghetti de recamo, alti fin su le ongie. Fava luser i aneli; tirava fora una scatola da tabacco, che m’aveva dona siora nona. Putte de qua, putte de là, no saveva da che banda vardarme. Le me fava un mondo de burle. Chi me spuava adosso, chi me schizzettava dell’acqua, chi buttava dei scorzi; ma gnente mostrava de aggradir le finezze, ma no le me piaseva nissuna. Le me pareva tutte senza sesto e senza modelo. Mi son un putto che m’ha sempre piasso le cosse... cussì... alla romana. Me piase toscaneggiar. No me piase sentirme a dir: sioria, patron, lustrissimo, la reverisso; gh’ho gusto che le me diga: serva sua, serva divota, sì signore, illustrissimo sì signore. E cussi in circa; giusto come ela, patrona. (a Rosaura)

Rosaura. (È la cosa più ridicola di questo mondo). (da sé)

Ottavio. (Credo che lo soffrano per divertimento). (da sé)

Florindo. A lei dunque si deve dare dell’illustrissimo, (a Tonino)

Tonino. No voria? Son zentilomo da Torzelo. Mio sior pare xe sta marcante, i mi parenti i xe tutti marcanti, ma mi m’ho volesto nobilitar; ho volesto comprar la nobiltà de Torzelo.

Fabrizio. Che è questo Torcello?

Tonino. El xe un paese.... mi no ghe son mai sta veramente; ma so che el ghe xe sto paese. Diseghelo vu, sior Ottavio, che saverè dir più pulito de mi.

  1. «Tela di lino bianca finissima, così detta dalla città di Reims»: Boerio. Diz. cit.
  2. Buttarse de logo per qualcun, fig. «impegnarsi oltre al convenevole in che che sia a favore d’alcuno »: Boerio.