Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 1.djvu/22

8 PROLEGOMENI

esser egli morto quasi nonagenario, poiché dall’anno 65 prima di Cristo, in cui abbiamo supposto la nascita sua, sino al 26 dopo Cristo, formasi il numero d’anni 91. Se tanto precisamente non fosse il tempo della vita di Strabone, non s’inganna, io stimo, chiunque dice che egli molto visse oltre gli anni ottanta.

La coincidenza della nascita del Geografo con le straordinarie geste di Pompeo, può taluno renderla probabile eziandio dallo stesso nome di Strabone. Imperciocché un tal nome, quantunque greco, non era tuttavia in uso appo i Greci. Da Strabone in fuori, figliuolo del favoloso Tiresia (38), non credo che altri cosí si nominasse. Al contrario i Romani il trasportarono nella lingua loro, e se ne valsero come cognome di più famiglie (39). Il padre suo soprannomavasi Strabo (40), ed è probabile che il figliuolo non lasciasse il primo cognome, se non per porsi invece quello di Magno. Adunque si può credere che anche il padre del Geografo appellasse Strabone il figliuol suo, perché il generò in quell’anno medesimo quando la portentosa, per dir così, fama di Pompeo Strabone, soprannomato Magno, si sparse per le genti, e per ogni bocca profferivasi, ed ogni udito dominava (41). È nota la consuetudine dei genitori d’imporre a’ figliuoli i nomi dei grandi uomini, come ammaestramento, e in certa guisa felice augurio della ventura loro condotta. Di ciò soltanto taluno potrebbe biasimare il padre di Strabone, che tolse a prestito un nome romano, trascurando la non certamente povera di splendidi nomi greca nazione.

Quale ella siasi la congettura intorno al nome, più è