Apri il menu principale

Or che del lustro ottavo alfine omai

Ruggero Calbi

O Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Or che del lustro ottavo alfine omai Intestazione 9 settembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Ruggero Calbi


[p. 84 modifica]

I


Or che del lustro ottavo alfine omai
     Son giunto, do un’occhiata al tempo scorso,
     Ed al presente, che ’l vital mio corso
     Affretta, ed è di pria più ratto assai;
5E seco trae gl’empi piaceri, e i guai
     Che soffrii, per non porre ai sensi il morso
     Indi fa cenno a Morte, e invan soccorso
     Chieggio, e mercè, che non s’ottenne mai.
Onde grido: oh felici Giovanetti,
     10Ch’aprite gl’occhi a sovraumano lume,
     E soffocate i caldi, e ciechi affetti!
Misero me, che in preda a rio co lume
     Parmi, che in me rivolga uniti, e stretti,
     E tempo e morte inesorabil Nume.