Odi (Anacreonte)/Ode LXIV

Ode LXIV

../Ode LXIII ../Ode LXV IncludiIntestazione 31 agosto 2011 100% Poesie

Anacreonte - Odi (Antichità)
Traduzione dal greco di Francesco Saverio de' Rogati (1824)
Ode LXIV
Ode LXIII Ode LXV

[p. 111 modifica]

FRAMMENTO D’INNO AD AMORE.


ODE LXIV.


O tu, che il mondo regoli
     Onnipotente Amor,
Con cui le Ninfe e Venere
     4Scherzan su’ monti ognor;

O santo nume Idalio,
     Ascolta un tuo fedel:
Odi i suoi voti fervidi,
     8Non essergli crudel.

Tu ispira al bel Cleobulo
     Qualche pietà per me.
No: la mia fiamma tenera
     12So che non spiace a te.