Apri il menu principale
Arrigo di Castruccio

XIV secolo O Indice:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu sonetti Letteratura Intestazione 11 settembre 2016 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT

Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Rime scelte di poeti del secolo XIV


[p. 199 modifica]

     O Fortuna che tutto ’l mondo guidi
E fermi e fiacchi altrui com’a te piace,
Come consenti tu che questa pace
4Si faccia, ond’io non sappia ove m’annidi?
     Or qual sarà di noi che in te si fidi,
S’ogni speranza n’hai fatto fallace?
I’ veggio ben che ’n tutto ti dispiace
8Il nostro stato, e dell’altrui ti ridi.
     Tu hai fermato fede al Maremmano
Di farlo star di sopra su la rota,
11E cerchi alzarlo a stato più sovrano;
     E noi là giù con la mano alla gota
Tapini andar ci fai per monte e piano,
14Mal in arnese, calpestando mota.
     Grazia addomando al mio signor divino
16Ch’io veggia star com’io messer Luchino.


(Dal volume II, p. II, l. III dell’Ist. della volg. poesia del Crescimbeni, che lo trasse dal Chig. 580.)