Apri il menu principale

Non scenda no dal sempiterno regno

Francesco De Lemene

N Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Non scenda no dal sempiterno regno Intestazione 26 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco da Lemene


[p. 229 modifica]

VII1


Non scendano dal sempiterno regno,
     Per vendicar Gesù, fulmine, e tuono,

[p. 230 modifica]

     Nè ’l Guerrier, che domò l’altero ingegno,
     Ch’erger volea sull’Aquilone il trono.
5Se porge il Dio tradito a laccio indegno
     La sacra man, che d’ogni ben fa dono,
     Vuole inulto soffrir barbaro sdegno,
     Già Dio delle vendette, or del perdono.
Ma tu di lui seguace, o Coro eletto,
     10Perchè non rechi aita al tuo Signore
     In duri nodi incatenato, e stretto?
Mira ignobil perfidia, e vil timore!
     Altri sen fugge, e senza cuore ha il petto;
     Altri lo segue, e senza fede ha il core.


Note

  1. Nel Venerdì Santo.