Apri il menu principale

Nettuno un dì, che diroccate in parte

Orazio Pedrocchi

N Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti/Archeologia Letteratura Nettuno un dì, che diroccate in parte Intestazione 4 novembre 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Orazio Petrochi


[p. 338 modifica]

IX1


Nettuno un dì, che diroccate in parte
     Vide le Terme spaziose, e belle,
     Onde la grande Augusta oltre le stelle
     Andò chiara e superba in mille carte;
5A sè chiamando in la segnata parte
     Le minacciose torbide procelle,
     Queste riprese in volto irato, e quelle,
     Che avean sul lido l’ampie moli sparte.

[p. 339 modifica]

E non sia più, gridò, chi l’ardir cieco
     10Ai sacri avanzi stenda, e con sue risse
     A loro insulti in villan’atto, e bieco:
Quindi a firmare ciò, che allor prescrisse,
     Dal cupo uscendo imperial sul speco,
     Sull’alto scoglio il gran decreto scrisse.


Note

  1. Terme di Faustina.