Nel dì, che carco d'onorate spoglie

Benedetto Menzini

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Nel dì, che carco d’onorate spoglie Intestazione 21 marzo 2022 100% Da definire


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Benedetto Menzini


[p. 280 modifica]

XVIII1


Nel dì, che carco d’onorate spoglie
     Il Monarca del Cielo al Cielo ascese,
     Onde provar le sì temute offese
     Il vinto Inferno, e le Tartaree soglie:
5Ecco il grande Antonino a noi si toglie;
     Ed alla fiamma, di cui pria si accese,
     Gode di riunirsi; e quel ch’ei prese
     Di terra, a terra lascia, e si discioglie.
Ma dalle guance sue pallide e smorte
     10Or non creder già tu, ch’ebbe a languire
     Il Giglio, che alle stelle oggi è consorte.
Togliersi al basso, e su nel Ciel salire
     Con quel, che invitto trionfò di Morte,
     Quest’è fars’immortal, non è morire.


Note

  1. Per la morte di S. Antonino Arcivescovo di Firenze.